Colleferro: Dopo 428 Giorni Ancora Niente Porta A Porta!

A 428 giorni dalla delibera del Consiglio Comunale di Colleferro, avvenuta il lontano 14 Novembre 2011, la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Porta a Porta non ha ancora preso il via, in nessun quartiere del territorio comunale, nonostante l’Amministrazione si fosse impegnata a procedere in tal senso entro la fine dell’oramai concluso 2012, dopo un voto unanime del Consiglio Comunale.

Tale ritardo, frutto di negligenza e disinteresse, assume un connotato di preoccupante gravità, considerata l’attuale situazione in cui versa la Capitale e lo smantellamento della Provincia (principale finanziatore della raccolta porta a porta).

Il mancato adempimento della delibera, infatti, impedisce alla differenziata comunale di decollare, così da limitare drasticamente il conferimento di rifiuti nella vicina discarica di Colle Fagiolara e da gettare le basi per la chiusura dell’impianto, giunto ormai ben oltre la sua capienza e prorogato ad oltranza, nella più completa indifferenza ed irresponsabilità.

Una criticità, una ferita aperta nel territorio che espone la Valle alla minaccia dei rifiuti romani, la cui gestione dovuta all’incompetenza del sindaco Alemanno rischia ora di danneggiare ulteriormente tutti i territori della Provincia e del resto della Regione.

L’Unione Giovani Indipendenti rinnova quindi la sua richiesta alla giunta Cacciotti affinché in maniera celere e seria supplisca con urgenza alle proprie mancanze, così da porre finalmente il comune di Colleferro sulla strada della sostenibilità ambientale, per iniziare la dismissione di impianti pericolosi, dannosi ed inutili che hanno reso Colleferro tristemente nota. Sarebbe il primo passo su una strada di nuova civiltà.

Unione Giovani Indipendenti

You may also like...