#IoNonViVoto – GreenPeace sfida la Politica Italiana!

Roma – Incursione notturna degli attivisti GreenPeace che hanno affisso “domande di carta” rivolte ad alcuni personaggi politici chiave: Bersani, Alfano, Renzi, Casini, Fini. La domanda espressa sui manifesti che hanno tappezzato la capitale: “Sei amico del petrolio e del carbone?” fa parte di una nuova campagna dell’associazione ambientalista che ha messo a disposizione una piattaforma online www.iononvivoto.org dove i cittadini che aderiscono alla petizione, mandano un messaggio inequivocabile a chi si candida a governare il Paese.

Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace: “Abbiamo inviato un questionario molto preciso a tutti i leader politici nazionali su queste questioni. Al momento hanno risposto in pochi. La politica nel suo complesso, anche quando chiede il voto ai cittadini, rimane sorda e distante.  Aderendo alla nostra petizione online si manda un messaggio diretto: il mio voto non è disponibile a chi vuole fare dell’Italia un nuovo Texas petrolifero, a chi consente la costruzione di nuove centrali a carbone, a chi frena la crescita delle energie rinnovabili e con essa l’occupazione e l’economia. Greenpeace giocherà la sua partita fino all’ultimo per ottenere risposte e impegni chiari e per informare tutti su chi sono, tra i leader nazionali, i veri alleati delle lobby fossili. Il nostro non è un messaggio astensionista ma l’Italia vive da sempre una condizione di forte dipendenza, in campo energetico, dalle importazioni. La bolletta nazionale è di oltre 60 miliardi di euro l’anno. Continuare a investire nello sviluppo delle fonti fossili equivale a condannare il Paese, a cronicizzare questa dipendenza. Carbone e petrolio distruggono il clima, inquinano, generano pochissima occupazione e causano molti danni che le aziende energetiche non compensano mai. “

You may also like...