La lotta contro gli inceneritori nelle aule del tribunale: Un cittadino di Colleferro fa sentire la sua voce.

 

Luigi Mattei conosce bene il Tribunale di Velletri, sa dirti dove si svolgono le udienze preliminari, sa dove celebrano quelle dibattimentali e conosce molti  curricula di giudici ed avvocati.

Luigi Mattei era un operaio degli stabilimenti di Colleferro e porta addosso i veleni di quella irresponsabilità industriale che ha segnato Colleferro e la Ciociaria.

Ora Luigi è il presidente dell’associazione “vittime ed esposti  all’amianto e al Lindano” e continua la sua battaglia tra ricorsi, processi, testimonianze e denunce.

Lo scorso 2 Aprile Luigi Mattei ha richiesto, tramite il suo legale Carlo Affinito,  al giudice Valeria Cerulli, un milione di euro di risarcimento dei danni a favore del Comune di Colleferro e della Provincia di Roma per l’omessa denuncia alle autorità competenti  della presenza di materiale radioattivo all’interno  di un camion diretto agli inceneritori di Colleferro.

Il fatto è avvenuto il 17 giugno del 2010 ma nessun autorità e nessuna istituzione denunciò l’accaduto. Il giudice ha accolto la richiesta di risarcimento di Mattei e l’udienza è fissata per il 19 novembre 2014.

Un solo cittadino ha portato avanti questa difficile battaglia ed è stato riconosciuto come rappresentante della cittadinanza. Ora aspettiamo la voce degli enti locali, fino ad ora l’unica voce forte per la salvaguardia della salute è stata quella di un cittadino115704268-e308aa85-08f7-469f-9fa2-67ee9294633b!

Unione Giovani Indipendenti

 

You may also like...