La Regione si tira fuori da LazioAmbiente e “benedice” il Revamping degli inceneritori

Comunicato Stampa UGI

La Regione si tira fuori da LazioAmbiente e “benedice” il Revamping degli inceneritori
L’UGI: Fermeremo il Revamping in ogni modo.
Il 9 aprile in strada per fermare gli inceneritori.

regione

Roma, 1 Aprile 2016

La Regione Lazio si tira fuori da LazioAmbiente, avviando la procedura di dismissione della sua partecipazione nella società e “benedice” il Revamping (ammodernamento) degli inceneritori di Colleferro.

Questo è quanto decretato nella seduta del primo aprile della Giunta regionale che, con una delibera – si legge nella nota stampa della Regione Lazio – prevede di individuare un soggetto terzo ed indipendente,nel rispetto della normativa vigente, al quale affidare la funzione di advisor, con riferimento a tematiche di natura economico-finanziaria e legale, che affianchi e supporti i tecnici della Direzione Bilancio nel percorso di dismissione societaria.

Sicura è anche la decisione di avviare tutte le procedure necessarie alla realizzazione del Revamping degli inceneritori che – informa la Regione Lazio – risulta essere un aspetto importante per garantire un uso sicuro degli stessi e favorire, così, una maggiore salvaguardia ambientale e una prospettiva importante per la società.

La Regione Lazio crede veramente che questa delibera di giunta sia attuabile senza prima passare per i sindaci della zona, le parti sociali e la società civile?
Ridicolo il commento dell’assessore regionale Buschini che, a margine della giunta regionale, dopo aver deciso la direzione da intraprendere, dichiara di voler discutere con il territorio.

Ricordiamo – nel caso in Regione non lo sapessero – che il 9 aprile le strade di Colleferro saranno attraversate da un corteo che a gran voce chiederà di scongiurare il Revamping degli inceneritori e di avviare la dismissione degli impianti.
Si potrà deliberare quanto e come si vuole dentro le stanze della Regione Lazio ma sulla salute della popolazione non ci sarà margine di trattativa.

La Regione Lazio pensa di ignorare le richieste che verranno dalla piazza del 9 aprile? Pensa di continuare a ignorare la volontà di tutti i cittadini che da dieci anni hanno espresso la loro contrarietà a questi impianti e a questo tipo di gestione dei rifiuti in molteplici luoghi e forme (manifestazioni, tribunali, tavoli tecnici, commissioni, audizioni, elezioni, ecc…)??

In tal caso, è meglio che questa delibera resti su carta perché come associazione ambientalista impediremo, in ogni modo, il rilancio degli inceneritori.

E’ meglio che questa delibera regionale sia un pesce d’aprile perché di sicuro, noi non scherziamo!

Ricordiamo che il corteo è fissato per SABATO 9 aprile ore 14.00 presso il piazzale dello Scalo di Colleferro.

Unione Giovani Indipendenti

You may also like...