L’associazionismo di Artena sottoscrive il ricorso al T.A.R. per fermare gli inceneritori di Colleferro.

Artena_panormaIl 2015 è stato un momento importante per una parte dell’associazionismo giovanile artenese. Anno di conflitti ambientali e di prese di posizione e di coscienza. Il momento cruciale è stata la questione della costituzione del “Comitato No Biometano” che ci ha visto opporsi a questo impianto deleterio e dalle enormi criticità ambientali. Questa battaglia non è ancora finita. Anzi è appena agli inizi. La formalizzazione delle osservazioni con la relativa iniziativa pubblica svoltasi il 21/11 presso l’ex Granaio Borghese che ha visto una buona partecipazione di pubblico è la conferma che il lavoro fatto è buono e la strada è giusta. Sappiano quindi, le istituzioni che governano questa città e le forze economiche che vogliono deturpare il nostro territorio che continueremo a vigilare ed a opporci ai loro scempi. Questo percorso ci ha portato ad aderire al ricorso al TAR che il comune di Colleferro, come comune capofila, ha formalizzato contro l’estensione dell’autorizzazione d’impatto ambientale (A.I.A.) all’inceneritore di proprietà di Lazio Ambiente. Il nostro sarà un ricorso “ad adiuvandum “ come associazioni di Artena insieme a quelle di Colleferro. Il nostro impegno per la salvaguardia dell’ambiente non ha confini e presto ci saranno sui nostri territori iniziative al riguardo. Invitiamo tutti i cittadini a mobilitarsi per la costruzione di un futuro diverso. Circolo Arci Montefortino ’93 Comitato NoBioMetano Artena Artenaonline Unione Giovani Indipendenti

You may also like...