Le eruzioni vulcaniche ‘hanno contribuito alla pausa del riscaldamento globale’, sostengono gli scienziati

Mt-Pinatubo-EruptionGli scienziati hanno affermato che l’impatto delle eruzioni vulcaniche sul riscaldamento globale potrebbero fornire una nuova spiegazione per la cosiddetta “pausa” tirata in ballo dagli scettici per negare il cambiamento climatico.
Secondo uno studio statunitense, i modelli per calcolare il livello in cui la temperatura nel mondo sarebbe salita dal 1998 in poi non avevano preso in considerazione l’impatto misurabile dei vulcani.
Invece di contribuire al riscaldamento globale, le eruzioni rilasciano delle particelle nell’aria che riflettono la luce del sole – causando un abbassamento delle temperature.
Gli esperti della Lawrence Livermore National Laboratory in California hanno affermato che questo fenomeno non era stato preso in considerazione al momento delle predizioni – offrendo una spiegazione all’apparente stabilizzazione della temperatura mondiale.
“Abbiamo dimostrato che le simulazioni di modelli climatici senza gli effetti delle eruzioni vulcaniche dell’inizio del terzo millennio sovrastimano il riscaldamento troposferico osservato a partire dal 1998” Dr Benjamin Santer ha scritto al Nature Geoscience.
Per ridurre queste incertezze, abbiamo bisogno di ulteriori studi sulle proprietà degli aerosol vulcanici prodotti dalle eruzioni, come anche di rappresentazioni migliori di questi fenomeni nei modelli di simulazione del clima.”
Le potenti eruzioni vulcaniche inviano piccole goccioline di zolfo, o aerosol, nell’atmosfera dove agiscono come uno specchio per riflettere i raggi del sole impedendo il riscaldamento della terra.
Nel 1991, la seconda più grande eruzione vulcanica del ventesimo secolo si è verificata quando il Monte Pinatubo nelle Filippine esplose con enorme forza, uccidendo quasi 1000 persone e causando danni ingenti.
Milioni di tonnellate di cenere e gas furono esplosi nell’atmosfera dalla montagna, raggiungendo un altitudine di 33 chilometri.
Nei due anni successivi le temperature medie della Terra sono scese di 0,5 gradi centigradi.
La ricerca ha mostrato che il Monte Pinatubo e la più grande eruzione precedente di El Chichon in Messico nel 1982 “hanno causato un impatto importante sui cambiamenti decennali dei livelli di riscaldamento”.
Inoltre, 17 “piccole” eruzioni si sono verificate dopo il 1999, il cui effetto cumulativo ha causato un incremento del potere riflettente dell’aerosol in atmosfera fino al 7%, per gli anni dal 2000 al 2009.
Gli scienziati hanno fornito moltissime spiegazioni negli ultimi anni sul motivo dell’apparente “pausa” del riscaldamento globale, includendo l’incostanza naturale del clima fino all’impossibilità di misurare accuratamente la temperatura della superficie.
L’esperto inglese sul clima Piers Forster, dell’Università di Leeds, ha dichiarato: “I vulcani ci danno soltanto una tregua provvisoria dall’implacabile riscaldamento causato dal continuo aumento di CO2.”

Da un articolo del The Indipendent (link)

Traduzione di F. Via

You may also like...